Meningioma

Che cos’è un meningioma?

I meningiomi sono delle neoplasie cerebrali, spesso benigne, che si manifestano nelle meningi. Possono essere classificati in 3 gradi:

  • Grado I: tipologia benigna caratterizzata da lenta evoluzione e basso rischio di recidiva (90%);
  • Grado II: tipologia atipica con maggiore rischio di evoluzione rapida e/o recidiva (7%);
  • Grado III: tipologia maligna (anaplatica) con maggiore aggressività ed un alto tasso di recidiva.

Prognosi della malattia

La prognosi di questi tumori varia principalmente in base alla loro localizzazione: l’atto chirurgico può necessitare infatti una resezione più o meno amplia proprio a causa dell’area in cui è localizzata la neoplasia. Anche l’età e le condizioni generali del paziente influiscono sulla prognosi.

Sintomi del meningioma

La sintomatologia varia in base alla localizzazione e alle dimensioni della neoplasia, nonché al coinvolgimento o meno di altri tessuti. La maggior parte dei meningiomi sono di piccole dimensioni e non presentano sintomi, ma in circa il 30% dei casi è possibile riscontrare crisi epilettiche, anomalie cognitive e comportamentali e deficit neurologici.

Diagnosi per il meningioma

Gli esami strumentali utilizzati per diagnosticare un meningioma e mettere in risalto i possibili effetti secondari sono:

Quali sono le cause di un meningioma?

Ancora non si conoscono i le cause di questa patologia, ma degli studi ipotizzano una relazione con la genesi di meningioma cancer stem cells, caratterizzata dalla mutazione dei geni NF1 e NF2.

Trattamenti per il meningioma

In caso di lesioni benigne e di dimensioni ridotte si procede con l’osservazione ed il monitoraggio con RM per tenerne sotto controllo la crescita. In caso di meningiomi sintomatici, invece, la terapia varia a seconda delle condizioni del paziente e la localizzazione del tumore. Nel caso in cui sia possibile asportare la neoplasia nella sua totalità, la chirurgia (coadiuvata da immagini o da monitoraggio neurofisiologico) rappresenta un’opzione curativa.

Nel caso in cui invece la sede del tumore consenta solo una rimozione parziale e si manifesti, in seguito all’operazione, una crescita della lesione restante, si dovrà procedere ad un trattamento radiante.

A quale specialista rivolgersi?

In caso di meningioma è necessario rivolgersi a uno specialista in Neurochirurgia.